Storage a blocchi

Cos’è lo storage a blocchi?

Lo storage a blocchi è la forma più semplice di storage dati. Benché sia più complesso e costoso, viene generalmente utilizzato nelle configurazioni SAN o storage cloud: i file vengono archiviati in blocchi di dimensioni fisse, agevolando l’accesso per modifiche rapide o frequenti senza compromettere le prestazioni del sistema operativo.

Cosa sono i blocchi?

I blocchi sono porzioni di dati segmentati secondo una lunghezza specifica. Le SAN e i sistemi di storage cloud assegnano a questi blocchi degli identificativi univoci come contrassegni che facilitano il processo di recupero. Di conseguenza, i dati possono risiedere ovunque all’interno del pool di storage, ma la SAN o il sistema di storage cloud archivia generalmente i blocchi nella posizione più efficiente.

Come viene utilizzato lo storage a blocchi?

I sistemi di storage a blocchi, sia on-premise sia nel cloud, vengono utilizzati per ottimizzare le attività e i carichi di lavoro basati su reti che richiedono latenza ridotta. I blocchi di dati sono configurati in modo tale da formare volumi, di cui ognuno si comporta come disco rigido. Gli utilizzi tipici dello storage a blocchi includono le macchine virtuali, i sistemi di archiviazione, le applicazioni critiche e i database.

Quali sono i vantaggi e gli svantaggi dello storage a blocchi?

Con i suoi livelli elevati di efficienza e prestazioni, lo storage a blocchi si è dimostrato un’opzione indicata per molti ambienti enterprise. Inoltre, uno storage a blocchi altamente scalabile è in grado di crescere quando le organizzazioni hanno bisogno di maggiore archiviazione senza compromettere le prestazioni.

Questo formato di storage consente di aggiornare e modificare i file in modo efficiente, modificando semplicemente il blocco specifico senza la necessità di riscrivere l’intero file. Questo non è possibile con altre strutture di storage dati. Inoltre, lo storage a blocchi offre bassa latenza grazie alla presenza degli identificatori univoci all’interno della struttura.

I sistemi di storage a blocchi tradizionali, che richiedono sia investimenti CapEx sia responsabili esperti che si occupino della manutenzione, possono risultare costosi. Al contrario, le nuove offerte consentono alle imprese di sfruttare in modo flessibile la potenza di questo tipo di archiviazione senza costi di capitale anticipati o la necessità di personale IT specializzato.

 

Confronto tra storage di file, storage a blocchi e storage a oggetti

Storage di file

Lo storage di file utilizza un sistema a livelli ed è generalmente più intuitivo dello storage a blocchi: il processo di recupero dei file richiede semplicemente l’accesso all’interfaccia utente e una ricerca in base al nome, all’URL o alla posizione all’interno di una cartella. Con lo storage a blocchi, la SAN deve riunire i blocchi di dati per recupere il file.

 

Storage a blocchi

Lo storage a blocchi garantisce massima flessibilità e prestazioni elevate, caratteristiche che lo differenziano dai sistemi per lo storage di file.

Storage a oggetti

Lo storage a oggetti costituisce l’opzione di storage più scalabile ed economicamente vantaggiosa. Questi sistemi possono anche essere i più affidabili ed efficienti delle tre tipologie di archiviazione, ma non consentono di effettuare modifiche: i file devono essere completamente riscritti, a differenza del file storage che consente aggiornamenti e modifiche continui.

 

Casi d’uso dello storage a blocchi

Per la maggior parte delle applicazioni mission-critical come SAP e Oracle, o nel caso di carichi di lavoro come trading, e-commerce, customer relationship management (CRM) e automazione del marketing, l’organizzazione deve utilizzare i sistemi di storage a blocchi all’interno della propria infrastruttura. Le applicazioni mission-critical richiedono l’efficienza, la capacità a elevate prestazioni e la bassa latenza fornite dallo storage a blocchi.

Per rispondere alla rapida espansione e alle esigenze variabili dell’archiviazione, alcune organizzazioni usano lo storage a blocchi come base per quello a oggetti e di file. Il sistema fornisce infatti una soluzione per lo storage sottostante che, quando utilizzata in combinazione con lo storage a oggetti e di file, semplifica la struttura dei dati e assegna automaticamente i carichi di lavoro al sistema necessario per ogni attività.

Alcune applicazioni richiedono l’elaborazione lato server, dove le richieste di elaborazione necessitano dell’autenticazione dell’utente e della navigazione delle pagine interne, requisiti soddisfabili solo dai sistemi di storage a blocchi. (Ad esempio, per eseguire un’applicazione come Java serve questo sistema). In questo modo le organizzazioni possono incrementare la sicurezza interna.

Gli hypervisor utilizzano lo storage a blocchi all’interno delle macchine virtuali (VM) dato che la loro struttura consente la distribuzione tra diverse macchine. Quando le organizzazioni usano una struttura con hypervisor e storage a blocchi nelle loro macchine virtuali, le VM acquisiscono velocità superiori, latenza inferiore e una maggiore potenza di elaborazione.

HPE e lo storage a blocchi

HPE propone soluzioni per lo storage a blocchi as-a-service moderne che consentono di sfruttare al massimo i dati, ovunque risiedano, con un'esperienza cloud fluida per i dati e l’infrastruttura dati, dall'edge al cloud.

HPE GreenLake per lo storage a blocchi è il primo storage a blocchi as-a-service del settore a garantire l’agilità self-service e una garanzia di disponibilità del 100% integrata per le applicazioni mission-critical. La soluzione fornisce un’esperienza cloud intuitiva basata sull'AI che consente agli amministratori delle linee di business e delle applicazioni di effettuare il provisioning self-service e di scalare senza interruzioni. Soddisfa qualsiasi SLA nel cloud ibrido con prestazioni sempre rapide e bassissima latenza, anche su vasta scala. 

HPE Alletra è un'infrastruttura dati cloud native che offre un'esperienza operativa e di consumo cloud ovunque risiedano i dati. Supportata dalla piattaforma edge to cloud HPE GreenLake e progettata per tutte le applicazioni, tradizionali e moderne, HPE Alletra offre flessibilità architettonica senza la complessità associata alla gestione dello storage tradizionale.

La piattaforma edge to cloud HPE GreenLake consente alle organizzazioni di accelerare la modernizzazione data-driven dall'edge al cloud con un’esperienza operativa del cloud che elimina i silo e la complessità. Le aziende possono sfruttare l’esperienza del cloud che unisce l’agilità delle operazioni cloud, i servizi dati basati sul consumo e la libertà di eseguire qualsiasi applicazione senza compromessi. Smetti di gestire l’infrastruttura e inizia a utilizzarla per soddisfare ogni SLA, as-a-service e on demand.