Aumenta la potenza di Oracle, in tutta semplicità

Ottimizza l’ambiente Oracle, riduci la complessità e i costi e incrementa sensibilmente le prestazioni con i server, lo storage, i servizi e l’infrastruttura di rete progettati per i massimi livelli di disponibilità.

+ mostra di più

Funzionalità uniche per una migliore soluzione Oracle

Solo HPE offre soluzioni complete, tra cui piattaforme di elaborazione, storage e rete per ambienti Oracle, che spaziano dalle soluzioni x86 entry-level a quelle mission-critical di fascia alta, supportate da profonde competenze nei servizi.

Consolida i carichi di lavoro Oracle su server scalabili verticalmente e storage all-flash

Aumenta le prestazioni di Oracle, evita la complessità del clustering dei server e riduci i costi di gestione.

Ottimizza i costi di licenza, incrementando al contempo le prestazioni del database

Distribuisci Oracle con meno core per processore, aumentando tuttavia le prestazioni degli ambienti più esigenti.

Riduci il TCO dello storage

Risparmia tempo e ottieni IOP elevati e latenze estremamente ridotte per i carichi di lavoro Oracle.

Soluzioni di piattaforma infrastrutturale per Oracle

Implementa Oracle, a modo tuo. Che la tua organizzazione sia una media o una grande impresa, HPE ha la soluzione più adatta ai requisiti specifici della tua azienda, tra cui la distribuzione del cloud ibrido o on-premise a tua scelta.

Novità

Le previsioni tecnologiche segnalano un’evoluzione nel 2019, non un vero e proprio rimpatrio dei dati

Cos’ha in serbo il 2019 per gli utenti cloud? Le previsioni tecnologiche che vedono gli utenti trasferire i dati dal cloud pubblico hanno portato a diverse discussioni sulla tendenza al rimpatrio dei dati. La verità è tuttavia più complessa.

Novità

Le previsioni tecnologiche segnalano un’evoluzione nel 2019, non un vero e proprio rimpatrio dei dati

Cos’ha in serbo il 2019 per gli utenti cloud? Le previsioni tecnologiche che vedono gli utenti trasferire i dati dal cloud pubblico hanno portato a diverse discussioni sulla tendenza al rimpatrio dei dati. La verità è tuttavia più complessa.
Case study in primo piano

VIVACOM ottimizza i servizi e risparmia 100.000 euro all’anno

La migrazione da UNIX a Linux ha aiutato VIVACOM a ridurre i costi e a migliorare la flessibilità per le attività di fatturazione mission-critical e altre applicazioni core business con un uptime superiore al 99,995%, grazie a HPE Integrity Superdome X.

Problematica

Riduci i costi e migliora la flessibilità per la fatturazione mission-critical e altre applicazioni core business.

Soluzione

Implementa HPE Integrity Superdome X per ottenere prestazioni e affidabilità mission-critical in un’architettura standard di settore.

Guarda il video 02:02

"Per noi, HPE è molto di più di un fornitore di tecnologia, è un partner vero e proprio".

Svetoslav Nanchev, Senior Manager for Infrastructure, VIVACOM

Risultato

VIVACOM ha risparmiato 1 milione di euro in CAPEX, ha ridotto l’OPEX di 100.000 euro all’anno, ha accelerato l’espansione dei servizi e superato il requisito di disponibilità dei sistemi di un uptime del 99,995%.