Le applicazioni mission-critical vengono eseguite su un sistema proprietario costoso e hai dubbi sull'affidabilità e della disponibilità di x86, oppure stai utilizzando server x86 standard ma hai bisogno di maggiore scalabilità, prestazioni o uptime? HPE Integrity Superdome X definisce nuovi standard elevati per disponibilità, scalabilità e prestazioni di x86, la piattaforma ideale per i carichi di lavoro Linux® e Windows® più importanti. Superdome X unisce l'efficienza di x86 alle comprovate innovazioni HPE mission-critical, per risultati di uptime eccezionali e prestazioni straordinarie. Scalabilità all'avanguardia fino a 16 socket e 48 TB di memoria per gestire database in memoria e grandi carichi di lavoro x86 a scalabilità verticale. Grazie alla nostra esclusiva tecnologia HPE nPars, Superdome X incrementa l'agilità e offre un'affidabilità 20 volte superiore rispetto alle piattaforme che si basano solo sulle partizioni di tipo software. Indipendentemente dal fatto che desideri sfruttare al massimo l'uptime delle applicazioni, standardizzare o consolidare, Superdome X ti aiuta a trasformare il tuo ambiente mission-critical per accelerare la velocità del business.

Caratteristiche

Muoversi alla velocità del business

Accelerate il time-to-value delle transazioni commerciali e dei dati approfonditi con il server HPE Integrity Superdome X, la piattaforma dalle prestazioni più elevate nel benchmark standard delle applicazioni 16P a due livelli SAP® Sales and Distribution (SD)1.

Affronta i carichi di lavoro più grandi e più esigenti con la scalabilità x86 rivoluzionaria fino a 16 socket e 24 TB di memoria2.

È possibile scalare con la massima sicurezza senza compromettere le prestazioni con un fattore di scalabilità di 1,77x3, da 4 a 8 e da 8 a 16 socket.

Aumenta la differenziazione competitiva e riduce il rischio economico

Ottimizzazione dell'uptime delle applicazioni critiche sul server HPE Integrity Superdome X, con un'affidabilità 20 volte superiore e downtime inferiore del 60% rispetto ad altre piattaforme x865 .

Riduce fino al 95% i casi di indisponibilità della memoria rispetto allo standard x86, grazie all'architettura Hewlett Packard Enterprise "Firmware First" e ai miglioramenti alla memoria RAS rispetto al codice base Intel®6.

Separate le applicazioni critiche dagli altri errori dell'applicazione grazie al partizionamento del disco rigido Hewlett Packard Enterprise x86 unico nel suo genere (HPE nPars).

Assenza di tempi di inattività pianificati grazie a manutenzione e aggiornamenti eseguiti online, senza interruzione dell'applicazione, mediante Serviceguard per Linux7.

Disponibilità di sistema singolo garantita al 99,999%9.

Ridefinizione delle condizioni economiche dell’elaborazione mission-critical

Aumento dell'efficienza dei costi con TCO inferiore del 45% rispetto a Oracle Exadata4.

Re-host di costosi mainframe proprietari/carichi di lavoro RISC con un 41% di riduzione del TCO rispetto a IBM POWER10.

Soluzioni a costi fino al 35% più convenienti11 con una soluzione a scalabilità verticale anziché orizzontale.

  • 1.
    Fonte: SAP. Sulla base dei risultati del SAP SD Standard Application Benchmark, configurazione Internet a due livelli http://global.sap.com/solutions/benchmark/sd2tier.epx , febbraio 2016
  • 2.
    Fonte: Specifiche di base del server Integrity Superdome X Server, giugno 2016
  • 3.
    Fonte: Test interni HPE. Risultati delle prestazioni con HPE-ATX (in attesa di brevetto) sul Superdome X con Gen9 utilizzando il carico di lavoro multi-tenant Hammer DB OLTP e ottenuti con un tenant con un totale di 144 utenti (4P), due tenant con un totale di 288 utenti (8P) e quattro tenant con un totale di 576 utenti (16P) per una mappatura 1-to-1 degli utenti alle CPU logiche. Le configurazioni con eccessive sottoscrizioni possono portare a un miglioramento delle prestazioni inferiore. Risultati di aprile 2016.
  • 4.
    Fonte: In base ai risultati dell'analisi interna HPE, utilizzando i dati sui prodotti della concorrenza disponibili (aprile 2015): confronto tra un server Superdome X a 16 socket e HPE 3Par StoreServ 7440c con RHEL, Oracle DB e Serviceguard for Linux, rispetto a un Oracle Exadata X5-2 Full Rack che utilizza il software Exadata, Oracle DB e Oracle RAC.
  • 5.
    Fonte: HPE Labs. In base alla modellazione di dati ad elevata disponibilità e di campo, utilizzando la modellazione ad elevata disponibilità del processo markoviano, eseguendo applicazioni su HPE nPars separate ed eseguendole in contemporanea sulla stessa HPE nPar mediante macchine virtuali. HPE, California. Agosto 2015.
  • 6.
    Simulazione interna di HPE Labs, i miglioramenti di HPE consistono nell'implementazione di un algoritmo di gestione degli errori. Maggio 2014.
  • 7.
    In base ad analisi effettuate da HPE Lab durante le attività di manutenzione del cluster, compresa la manutenzione della rete heartbeat. Agosto 2015.
  • 8.
    Fonte: Confronto interno HPE per HPE DL980G7, agosto 2015
  • 9.
    Fonte: Sulla base dell'analisi della disponibilità HPE Lab e i risultati di disponibilità misurati realmente. La disponibilità del server Superdome X a sistema singolo del 99,999% può essere aumentata notevolmente quando utilizzato in combinazione con soluzioni per clustering failover come HPE Serviceguard per Linux. Giugno 2015.
  • 10.
    Confronta un server Superdome X a 12 socket con RHEL, database Oracle e server a 2 nodi con sistema di alimentazione IBM E880 con AIX, database Oracle Fonte: In base ai risultati dell'analisi interna HPE ottenuti utilizzando i dati della concorrenza disponibili al pubblico, maggio 2016
  • Linux® è un marchio registrato di Linus Torvalds
  • Oracle® è un marchio di Oracle Corporation negli Stati Uniti e in altri paesi
  • Intel® è un marchio registrato di Intel Corporation negli Stati Uniti e in altri paesi
  • Windows® è un marchio registrato di Microsoft Corporation negli Stati Uniti e in altri paesi.
  • SAP® è un marchio registrato di SAP AG.
  • *
    Il prezzo può variare in base al rivenditore locale