ADP: talento per l’innovazione

ADP, un’azienda da 12 miliardi di dollari all’avanguardia a livello mondiale nelle soluzioni per la gestione del capitale umano (Human Capital Management, HCM) basate su cloud che elabora circa 2.000 miliardi di dollari in stipendi e tasse ogni anno, deve affrontare la crescente competizione di piccole start-up flessibili. La sua risposta: collaborare con HPE e sfruttare tecnologie di nuova generazione come l’infrastruttura iperconvergente (HCI) e i container per accelerare l’innovazione, migliorare l’agilità del business e ampliare il margine con l’obiettivo di passare a un data center davvero digitale.

La gestione del capitale umano: un aspetto critico ma spesso trascurato

Le aziende sanno che il loro successo dipende dalla qualità del personale. ADP offre informazioni preziose per orientare le loro decisioni HCM.

Immagine astratta che rappresenta le informazioni sulla gestione del capitale umano

Le aziende di tutto il mondo desiderano attirare, sviluppare e fidelizzare i dipendenti efficienti. Questo significa avere a che fare con una forza lavoro dinamica dove il 63% dei lavoratori pensa di cambiare lavoro e adattarsi a cinque tendenze principali dell’HCM:

  1. Big Data. Per ottenere insight fruibili, confrontare le prestazioni HCM con i benchmark e migliorare le performance e la fidelizzazione dei dipendenti, le aziende devono utilizzare i dati relativi a dipendenti e forza lavoro. I big data consentono inoltre l’apprendimento automatico e le interfacce conversazionali oltre alle innovazioni che sono parte integrante del futuro del lavoro.

  2. Globalizzazione. Secondo l’ADP Research Institute, il 40% dei dipendenti non lavora nel paese dove ha sede l’organizzazione. L’integrazione globale dei processi HCM come la pianificazione delle retribuzioni e la valutazione delle prestazioni assumono quindi un’importanza fondamentale.

  3. Gig Economy. L’aumento della forza lavoro temporanea presenta opportunità in quanto consente alle aziende di ridimensionare rapidamente le risorse umane in base alle esigenze, ma anche problematiche. I dipendenti di oggi sono più a loro agio con impieghi flessibili, ma anche più mobili. Le loro aspettative sui social media come strumento di collaborazione sono più elevate.

  4. Ecosistema aperto. Lavorare con diversi sistemi di gestione delle risorse umane e delle retribuzioni provoca stress e perdite di tempo per il team HR. L’integrazione è fondamentale per ridurre gli errori, evitare ripetizioni e risparmiare tempo.

  5. Consumerizzazione. I dipendenti vorrebbero accedere ai servizi HCM come farebbero con altri servizi, ad esempio quelli bancari. I servizi devono essere facili da usare e disponibili tramite smartphone, tablet e da computer.

93%

Aziende USA che non hanno una strategia di talent management

65%

Aziende nel mondo preoccupate di fidelizzare le competenze chiave

52,3%

Datori di lavoro preoccupati per la carenza di forza lavoro qualificata

Una delle aziende più innovative, diversificate e ammirate al mondo

Da più di 70 anni, ADP è all’avanguardia nel settore dei servizi aziendali in outsourcing e nella fornitura di soluzioni moderne per la gestione del capitale umano basate sul cloud.

Immagine astratta che rappresenta la domanda di servizi di gestione del capitale umano

Più di 630.000 aziende e più di 30 milioni di persone nel mondo si affidano ad ADP per un’amministrazione precisa delle retribuzioni, affidabile per quanto riguarda i benefit, una gestione efficace delle prestazioni e altri servizi HR. L’azienda è fornitore leader a livello mondale di soluzioni per la gestione del capitale umano (HCM) basate su cloud ed ha aperto la strada alla trasformazione digitale dell’outsourcing aziendale traduzionale in una suite completa di strumenti e servizi di HCM, analisi e conformità.

Avvalendosi della sua impareggiabile esperienza, delle sue informazioni approfondite e della sua tecnologia all’avanguardia, ADP ha trasformato l’HR da una funzione amministrativa di back-office a vantaggio aziendale strategico supportando l’investimento più prezioso dei propri clienti, il loro personale, dall’assunzione alla pensione.

500.000

Clienti nel cloud

110

Paesi serviti

91,4%

Tasso di fidelizzazione dei clienti in base al fatturato

La leadership è un buon punto di partenza, ma la sorveglianza è un obbligo

Essendo responsabile di una quantità enorme di dati sensibili relativi ai dipendenti, ADP deve sviluppare una strategia che mantenga la sicurezza come priorità assoluta, supportando nel contempo l’agilità del business.

Immagine astratta che rappresenta i requisiti di sicurezza della gestione del capitale umano

Come player principale nel mercato HCM, ADP è responsabile di enormi quantità di informazioni personali. Per questo motivo, la sicurezza è una delle principali priorità dell’azienda: ADP deve proteggere i suoi sistemi da malware e attacchi informatici.

Può inoltre attingere continuamente dalle proprie riserve di know-how e proprietà intellettuale per guidare l’innovazione e il valore nella gestione del capitale umano. Molti datori di lavoro, ad esempio, gestiscono le valutazioni delle prestazioni annuali come eventi separati. Gli esperti di HCM di ADP assistono le aziende nell’integrazione di metriche relative alle prestazioni nelle loro attività quotidiane per favorire un miglioramento continuo delle prestazioni e aumentare al massimo il ritorno sul capitale umano.

ADP deve quindi prendere in contropiede la concorrenza che comprende non solo aziende consolidate ma anche start-up. ADP sa che deve rimanere vigile. Deve avere la stessa agilità delle start-up più flessibili.

Si tratta di una sfida che tutte le grandi imprese consolidate conoscono bene: come può ADP portare innovazione e agilità in processi utilizzati da anni o decenni senza rischi inaccettabili?

15 miliardi di dollari

Mercato delle applicazioni HCM nel mondo

Più di 2000

Agenzie che offrono la gestione degli stipendi solo negli Stati Uniti
  • "Amministriamo i dati di altri. Questo significa che per garantire la sicurezza e l’integrità della nostra infrastruttura dobbiamo adottare misure che molte aziende non immaginano nemmeno".

    Vipul Nagrath, Global CIO, ADP

I "dati" sono fondamentali per ADP

La tecnologia che supporta le principali operazioni di Big Data di ADP non può scendere a compromessi in materia di stabilità, agilità, efficienza e sicurezza.

Immagine astratta che rappresenta le operazioni big data per la gestione del capitale umano

Con oltre 30 milioni di documenti relativi ai dipendenti, ad ADP vengono affidate informazioni altamente riservate relative alle risorse umane, tra cui codici fiscali, dati finanziari e selezione dei benefit. L’azienda deve scegliere una tecnologia che, in primo luogo, le consenta di gestire e controllare in sicurezza i propri dati, fornendo nel contempo flessibilità e velocità all’azienda. Per questo motivo Vipul Nagrath, CIO mondiale di ADP ha definito quattro pilastri su cui basare tutte le decisioni IT:

  1. Stabilità: con decine di milioni di utenti in tutto il mondo che utilizzano, tutti i giorni, le soluzioni cloud e mobili di ADP, qualsiasi prodotto introdotto nel data center deve essere estremamente stabile.

  2. Agilità: con una concorrenza agile che minaccia costantemente la sua quota di mercato, ADP deve disporre di soluzioni IT agili che le consentano di ottimizzare lo sviluppo e di accelerare il time to market per nuove soluzioni.

  3. Efficienza: l’IT deve offrire le giuste risorse per ogni carico di lavoro, senza provisioning eccessivo o insufficiente dei sistemi, per aumentare al massimo l’efficienza dei costi e ampliare il margine per l’azienda.

  4. Sicurezza: in qualità di amministratore di dati così importanti, ADP deve adottare le strategie di protezione dei dati più robuste possibili.

1.700 miliardi di dollari

Fondi di clienti spostati tramite ADP nel 2016

60 milioni

Moduli W-2 elaborati da ADP negli Stati Uniti

40 milioni

Lavoratori nel mondo pagati da ADP
  • "Contiamo sul Datacenter Care di HPE Pointnext per fornire supporto 24 ore su 24, 7 giorni su 7 365 giorni all’anno all’infrastruttura mission-critical di ADP."

    Vipul Nagrath, Global CIO, ADP

Un’iniezione di nuova energia per cambiare il modo di lavorare

Facendo affidamento sulle sue competenze approfondite nell’HCM, ADP favorisce il cambiamento su tre fronti: persone, processi e tecnologia
In qualità di leader nell’HCM, ADP affronta le sue problematiche aziendali attraendo e coltivando talenti tecnici di alto livello.

Immagine astratta che rappresenta l’innovazione nella gestione del capitale umano

ADP Innovation Labs supporta questo impegno promuovendo la creatività e favorendo l’innovazione. ADP impiega inoltre i processi e le infrastrutture adatti a potenziare la propria offerta di servizi rivolti ai clienti. La tecnologia dell’infrastruttura iperconvergente e la virtualizzazione sono stati i primi passi importanti mossi dall’azienda nel percorso verso il data center digitale. Per il futuro, ADP prevede di partire da queste basi con un'infrastruttura interamente componibile. Per questa piattaforma futura, ADP prevede l’uso di HPE Synergy e HPE One View in modo tale da offrire un pool fluido di risorse condivise di elaborazione, storage e rete da poter utilizzare per avviare e interrompere i servizi tramite un’unica interfaccia utente.

ADP è stata anche un early adopter dei container Docker. Oggi, questo progetto continuo si avvale della collaborazione di HPE con Docker che consente di allineare sempre di più l’infrastruttura di ADP alle esigenze aziendali e di sviluppo delle applicazioni della società.

Inoltre, ADP conta sui servizi HPE Pointnext per un supporto 24x7 di un’applicazione fondamentale nell’infrastruttura mission-critical dell’azienda. Gli esperti di HPE Pointnext lavorano direttamente con ADP per offrire tempestivamente e in qualsiasi momento il supporto e le soluzioni di consulenza più importanti.

Metà

Tempo necessario per portare una nuova piattaforma cloud per i Big Data ai clienti europei

70%

Riduzione dell’infrastruttura che aumenta al massimo il valore aziendale dell’IT
  • "Seguiamo il percorso della containerizzazione già da tempo. Ponendo l’accento sull’infrastruttura iperconvergente, il portafoglio di HPE offre la tecnologia che ci serve per portare avanti la nostra strategia di data center software-defined".

    Vipul Nagrath, Global CIO, ADP

Il percorso verso un data center digitale

L’innovazione dell’IT sblocca la capacità di ADP di accelerare il time-to-market senza compromettere la stabilità e le prestazioni.

Immagine astratta che rappresenta il supporto alla gestione dei carichi di lavoro ciclici dei clienti da parte di ADP

Nel frattempo, il debutto di ADP nei sistemi iperconvergenti ha inizialmente prodotto un’architettura di riferimento meno costosa del 30-40% rispetto alle piattaforme tradizionali. Unitamente alla sua strategia di containerizzazione, l’approccio HCI di ADP ha consentito all’azienda di acquisire maggiori competenze nella scalabilità dell’infrastruttura aziendale per gestire i carichi di lavoro ciclici dei clienti, come le retribuzioni settimanali o mensili e le dichiarazioni fiscali annuali. Consente inoltre di eliminare anche i costi associati al provisioning eccessivo, migliorando i margini e garantendo nel contempo servizi reattivi e a costi contenuti ai clienti di ADP.

ADP sta inoltre introducendo nuovi prodotti sul mercato in modo più rapido e a costi più contenuti. Ad esempio, ha sfruttato l’architettura HPE per lanciare soluzioni ADP DataCloud e DocCloud in Europa, aprendo un nuovo flusso di ricavi e offrendo alle aziende europee accesso a una generazione di report semplificata. La realizzazione di questa piattaforma europea ha richiesto decisamente meno tempo di quanto sarebbe stato necessario con stack di elaborazione e storage tradizionali e a un costo inferiore del 70%.

  • "In HPE, abbiamo trovato un compagno di viaggio: un’azienda con una conoscenza approfondita delle problematiche che dovevamo affrontare e un impegno verso l’innovazione in linea con il nostro."

    Vipul Nagrath, Global CIO, ADP

Esempio di soluzione

Formula per un data center software-defined

ADP ha collaborato con HPE per portare l’azienda da silo di elaborazione, storage e reti tradizionali a un’infrastruttura completamente convergente e automatizzata che aumenta al massimo la stabilità, l’agilità, l’efficienza e la sicurezza dell’IT.